“Sono Re di Misericordia…
Con la mia Misericordia inseguo i peccatori
su tutte le loro strade ed il mio Cuore gioisce quando essi ritornano da me.
Dimentico le amarezze con le quali hanno abbeverato il mio Cuore
e sono lieto per il loro ritorno…
Dì ai peccatori che li attendo sempre,
sto in ascolto del battito del loro cuore per sapere quando batterà per me”

(Parole di Gesù a Santa Faustina Kowalska)





Un blog dedicato alla Divina Misericordia
e donato al Pontefice che più ne favorì il culto: Giovanni Paolo II.

Nelle pagine a destra sono elencate le forme di culto alla Divina Misericordia.
Nei posts troverai piccoli brani tratti dal Diario di Santa Faustina Kowalska.
Benvenuto/a!


giovedì 21 maggio 2015

♥ Il Diario di Santa Faustina Kowalska ♥ 60 ♥

Quando il Signore stesso 
vuole stare accanto ad un'anima e guidarla, 
allontana da lei 
tutto ciò che c'è all'esterno. 

Quando mi ammalai 
e venni trasferita in infermeria, 
ebbi molti dispiaceri per questo motivo. 

Eravamo in due ricoverate in infermeria. 

Da Suor N. andavano in visita le suore; 
da me non s'affacciava nessuno. 

Per la verità l'infermeria è una sola, 
ma ognuna ha la propria cella. 

Le serate invernali erano lunghe. 
Suor N. aveva la luce e la cuffia per la radio 
ed io per mancanza della luce 
non potevo nemmeno preparare la meditazione. 

Dopo che erano passate così all'incirca due settimane, 
una sera mi lamentai col Signore: 

« Ho molti dispiaceri 
e non posso nemmeno preparare la meditazione, 
dato che non ho la luce ». 

Ed il Signore mi disse 
che sarebbe venuto Lui ogni sera 
e mi avrebbe dato i punti 
per la meditazione dell'indomani. 
I punti si riferivano sempre 
alla Sua dolorosa Passione.

 Mi disse: 
« Medita la Mia Passione davanti a Pilato ». 

E così, punto per punto, 
per un'intera settimana meditai 
la Sua dolorosa Passione. 

Da quel momento una grande gioia 
entrò nella mia anima 
e non desiderai più né visite, né luce; 
mi bastava Gesù per ogni cosa. 

Per la verità l'interessamento delle Superiore 
per le ammalate era notevole; 
tuttavia il Signore dispose in modo tale 
che mi sentii abbandonata. 

Egli, il migliore dei Maestri, 
per poter agire direttamente su un'anima 
allontana da lei tutto ciò che è creato. 

Più di una volta fui bersaglio 
di così numerose vessazioni e sofferenze 
che la stessa Madre M. mi disse: 
« Sulla sua strada, sorella, 
le sofferenze spuntano direttamente da sotto terra ». 

Mi disse ancora: « Io guardo a lei, sorella, 
come se fosse crocifissa, 
ma ho notato che il Signore Gesù 
in qualche modo c'entra in questo. 
Sorella, sia fedele al Signore ». 

1 commento:

  1. Un insegnamento tratto dal Diario
    di santa Faustina Kowalska,
    pagg. 79-80 - Libreria Editrice Vaticana.

    RispondiElimina